La Rete del Mediterraneo alla Sapienza di Roma

La Rete del Mediterraneo torna a Roma con il suo presidente Vincenzo Dota che mercoledì 4 dicembre ha tenuto una lezione dal titolo “Destination Marketing e Tecnologia” presso l’Università “Sapienza”, ospite della cattedra della Prof.ssa Destination Marketing Fabiola Sfodera.

Nome di primo piano nel corpo docenti dell’Ateneo, la Sfodera è ricercatrice e professoressa per l’area di Economia e gestione delle imprese (SECS P/08) presso il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale (CORIS) e Dottore di ricerca in Marketing nell’ambito della Facoltà di Economia. Auditor per la qualità della formazione nel turismo per conto dell'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) - Themis Foundation ed esperta di marketing del turismo, ha coordinato e partecipato a numerosi progetti di sviluppo e valorizzazione turistica territoriale sia a livello nazionale che internazionale.

La lezione, rivolta a 120 alunni, è stata incentrata sulla presentazione dell’esperienza che la Rete del Mediterraneo ha acquisito negli ultimi cinque anni nella promozione dei brand di identificazione territoriale della Regione Puglia (in primis, “Gargano&Daunia” e “Monti Dauni della Puglia”, per l’area della provincia di Foggia, e “Puglia Imperiale”, per l’area BAT).

La peculiarità del modello proposto dalla rete d’imprese foggiana consiste nell’integrazione, in un’ottica pienamente ecomuseale, tra i settori della Enogastronomia, del Turismo Esperienziale e della Cultura di ciascun territorio, in modo da garantire una co-progettazione delle offerte turistiche di tutti gli operatori interessati ed una destagionalizzazione delle presenze. In particolare, nell’ambito dello SLOT (Sistema Locale di Offerta Turistica), il prodotto enogastronomico può diventare testimonial del proprio territorio, attraverso l’applicazione delle tecnologie dell’IoT (Internet of Things – Internet delle Cose), così come ha dimostrato la felice collaborazione che la Rete del Mediterraneo ha costruito con l’eccellenza della trasformazione del pomodoro della zona industriale di Foggia, Rosso Gargano, in grado di portare la provincia di Foggia in tutto il mondo su 56 milioni di latte.

La lezione ha, altresì, cercato di dare agli allievi degli spunti di riflessione circa la tematica della destagionalizzazione dei flussi turistici. Dota sottolinea che il perseguimento di tale obiettivo non può prescindere dalla centralità del ruolo della Guida Turistica e dalla trasformazione della struttura ricettiva da semplice “dormitorio” a punto d’informazione per i turisti, mostrando le proprie perplessità circa la gestione della rete degli Info Point.

La Rete del Mediterraneo, già forte della tecnologia altamente performante e scalabile di un sistema come il FLYWHEEL (volano) giunto alla terza versione, ora sta lavorando alacremente sulla formazione e l’addestramento di coloro che tutti i giorni operano nel settore turistico a livello locale e sul riconoscimento della nuova figura professionale foriera del concetto di integrazione e co-progettazione del Coordinatore Turistico Locale.

 

Condividi sui Social